VALTROMPIA

valtrompia.it

 

Agriturismo e ristorante
Agriturismo e Ristorante in un ambiente tipico e confortevole per degustazioni,
pranzi e cene anche con menù personalizzato.

..: Ambiente fisico :..

L’alta Valtrompia, raggiunta dal ghiacciaio che si formò nell’era delle glaciazioni ai piedi del gruppo Colombine-Dasdana-Dosso Alto-Corna Blacca, assunse il suo andamento attuale già nel quaternario.

In questa zona si possono trovare varietà differenti di rocce: arenarie rosse (Colombine, Cretoso, Muffetto), gesso grigio (Collio), scisti cristallini, anidride (Lodrino) e dolomia (Corna Blacca, Baremone, Corno Zeno).

Alcune miniere di siderite, fluorite e galena furono attive, non molto tempo addietro, nella zona di Collio, Pezzate e Bovegno. I monti calcarei, da cui si scavava il “medolo” con il quale si costruirono alcuni tra i più suggestivi monumenti della Brescia medievale, occupano l’area dello sbocco meridionale della Val Trompia.

Lasciati alle proprie spalle i primi corrugamenti della Val Trompia, che ospitano la vite e l’olivo, si entra nel mondo del castagno, del carpino, della betulla, dell’acero e della quercia. Il ciclamino, i funghi, i mirtilli, le campanule, le spiree, le clematidi alpine e gli aconiti gialli crescono nel sottobosco, ai piedi degli alberi o nelle zone dove batte il sole.

La Valle Trompia ospita, intorno ai mille metri di altezza, il faggio, l’abete rosso e bianco e il larice; salendo ancora troviamo il pino mugo, il rododendro, l’erica, il cardo e la stella alpina.

La fauna della Valtrompia è varia e composita, troviamo volpi, faine, martore, tassi, marmotte, lepri delle nevi, ricci, scoiattoli, ghiri, moscardini. La Val Trompia ospita numerose varietà di volatili: il gheppio, la poiana, lo sparviero e il cuculo.

Economia del ferro Il Parco Minerario dell’Alta Valle Trompia ha trasformato il duro lavoro in miniera del passato in occasione di valorizzazione e arricchimento culturale.

Le gallerie sono allestite per testimoniare il lungo periodo storico della Val Trompia, che ha conosciuto culture e antiche tecniche di estrazione e trasformazione del ferro in utensili e armi.

Oggi, la Valtrompia è forse l’unica località a poter testimoniare il ciclo completo della lavorazione del ferro, grazie all’attività intrapresa verso la fine del secolo scorso che riunì l’attività di estrazione mineraria, la prima fusione (forno fusorio di Tavernole) e la successiva trasformazione del ferro in utensili e armi: fucine di Zanano, Villa e industrie di casalinghi, rubinetterie e di lavorazioni meccaniche e di stampi di Lumezzane e Carcina.

Gardone, oggi come in passato, ospita il principale centro della Valle Trompia di produzione di armi sportive.

I 18 comuni della Valtrompia sono:

BOVEGNO

BOVEZZO

BRIONE

CAINO

COLLIO

CONCESIO

GARDONE VALTROMPIA

IRMA

LODRINO

LUMEZZANE

MARCHENO

MARMENTINO

NAVE

PEZZAZE

POLAVENO

SAREZZO

TAVERNOLE

VILLA CARCINA

 

   
www.creacomstudio.it

Tel.: 328 849 35 51

E-mail: info@creacomstudio.it